• img-book

    Iskander Fazil’

PROMO
ISBN: 9788865641422

Conigli e boa

di: Iskander Fazil’

Storia metaforica sulla natura degli esseri umani. La favola degli animali come riflessione sulla società.

14.00 9.90

Quantità:
Autore
avatar-author
Fazil' Iskander era nato nel 1929 a Suchumi, Repubblica autonoma sovietica dell'Abcasia, morto nel 2016. È stato autore di numerosi racconti, romanzi e romanzi brevi, fra cui i celebri La costellazione del Caprotoro (Sellerio, 1988), Oh, Marat (Sellerio, 1989), Il tè e l'amore per il mare (e/o, 1998) e Sandro di Cegem (Einaudi, 1998). Per Salani pubblicò L'energia della vergogna (2014). Iskander ricevette il Premio Puškin (1993) e il Premio Triumph (1999), il Premio letterario Ivan Bunin (2013). Nel 2010 fu insignito in Russia del Premio Ordine al Merito per la Patria. Nel 2013 fu nominato per il Premio Nobel. Viveva a Mosca. Conigli e boa fu pubblicato nel 1982 dapprima in russo negli Stati Uniti e solo qualche anno più tardi in Russia.
Libri di Iskander Fazil’
Dettagli

traduzione dal russo di Denise Silvestri

Postfazione di Mario Caramitti

Storia metaforica sulla natura degli esseri umani. Oltre a essere maledettamente intelligente, molto divertente. La favola degli animali come riflessione sulla società.
Che cosa accadrebbe nel Regno dei conigli e nel Regno dei boa se un giorno un semplice coniglio cominciasse a ragionare con la propria testa e mettesse in dubbio secolari usanze di morte? Quali conseguenze potrebbe scatenare il suo tentativo di ribellarsi allo status quo? Un giorno il Ponderatore, un coniglio con il compito di meditare sulle cose, si rende conto per caso che i suoi simili si lasciano inghiottire dai boa perché impietriti dal terrore, non per la capacità dei serpenti di ipnotizzare le proprie vittime. Ma proprio chi dovrebbe essere felice di quella scoperta, il Re, vuole che le cose restino invariate. E se quella menzogna e il terrore nella sua forma più subdola fossero l’unico modo di mantenere il potere e l’equilibrio fra le specie? In Conigli e boa Fazil’ Iskander ci presenta un apologo ironico, una favola filosofica sui rapporti fra il potere e le persone, fra terrore e realtà, fra verità e menzogna. Paragonato per toni e ispirazione alla Fattoria degli animali di George Orwell, è diventato un classico pedagogico fin dai tempi della sua pubblicazione di clamoroso e inaspettato successo.
Utilizzando la tradizione russa del racconto come forma di critica sociale, Iskander introduce il lettore alla vera società sovietica attraverso due gruppi di animali – i conigli e i serpenti, i deboli e i forti.
«Per i suoi voli di fantasia e la sua abilità apparentemente inesauribile nell’intessere storie l’opera di Iskander è stata spesso paragonata a quella di Gabriel Garcia Marquez». The New York Times Book Review
«Iskander si è conquistato un posto di valore nella tradizione degli autori russi satirici, fra il Gogol’ delle Anime morte e il Nabokov di Lolita». Elmar Krekeler, Los Angeles Times
«Nelle sue storie, anche quando descrivono immani tragedie, c’è sempre tanta ironia». La Repubblica
«Iskander immerge il lettore in un’umanità pittoresca, legata ai ritmi delle attività quotidiane, ma propensa a evadere verso le regioni della fantasia… Le storie traggono valore dalla loro stravaganza o eccezionalità». Corriere della Sera