copertina Il treno Zero

Jurij Bujda

traduzione dal russo di Noemi Albanese


Quando la stazione ferroviaria è costruita in un luogo sperduto, si crea attorno a essa una piccola comunità di coloni (Ivan Ardab’ev – noto come Don Domino – Fira e Miša, Landau, Vasilij, Gusja...). Le istruzioni sono chiare: si sarebbero occupati, senza porsi domande, della manutenzione della stazione e avrebbero verificato il passaggio dell’unico convoglio, ogni giorno e alla stessa ora, il misterioso treno Zero: due locomotive di fronte, cento vagoni perfettamente sigillati, due locomotive dietro. Origine: sconosciuta; destinazione: indeterminata; carico: sconosciuto. Nel corso degli anni, sorgeranno le prime domande, i dubbi e le paure che minacciano l’esistenza di questo piccolo mondo e le sue fragili certezze.

Jurij Bujda (1954) è cresciuto nella piccola città di Znamensk nella regione di Kaliningrad. Questo territorio, molto conteso nell’ex Prussia orientale, fu occupato dalle truppe sovietiche nel 1945; gli abitanti tedeschi furono deportati in massa. I russi, tra cui era nato Bujda, erano effettivamente immigrati e il senso del transitorio attraversa il suo ciclo di racconti. Privati di un senso del passato, gli eterogenei abitanti russi di questa “città-insediamento” – storpi di guerra, mogli in lutto, pazzi e maghi – vivono in un mondo dislocato. La morte è tutt’intorno a loro, eppure Bujda anima le loro vite con vitalità e umorismo indimenticabili, e con un particolare senso del miracoloso russo. Il suo stile di prosa, barocco,realista magico e selvaggiamente conciso, è una sfida formidabile per il soggetto. Riempie i suoi intensi racconti, spesso non più di una mezza dozzina di pagine, con una trama attorno alla quale molti scrittori sarebbero felici di costruire interi romanzi. Tra i suoi premi più importanti, l’Apollon Grigoriev (Russia, 1999) e il BIG BOOK 2013. Pubblicato per la prima volta nel 1993 e finalista del Russian Booker Prize, Il treno Zero ha avuto un grande successo in Russia e in Europa. Il treno Zero ha l’intensità di Dostoevskij e una storia d’amore toccante come quella del dottor Živago.

<< torna indietro

Seguici su

mi piace

twitter

Ultime dal Blog

RSS Feed Widget

News

la letteratura giapponese


entra

Premio Lorenzo Claris Appiani per la traduzione 2018


entra

new foreign rights for illustrated books: serv-ed.it

entra

Magazine

“Leggete i giapponesi, prima che sia troppo tardi, perché loro hanno già letto noi!”


entra

La vita felice del ciarliero Zhang Damin

recensione su Il Manifesto
entra

collana per bambini Zucchero Filato

<
entra

NUOVA COLLANA biblioteca araba





entra

Acquistare i nostri libri

Solo su questo sito sconto dal 20 al 50% su tutti i libri, con spedizione gratuita o pagando la spedizione come posta or
entra

collana ASIASPHERE


entra

leggi le prime pagine delle novità

the next book

catalogo da scaricare